Blog SEO | 15 regole per il post perfetto

Al blog SEO visibilità e visitatori sono assicurati dai motori di ricerca. E dalle tecniche on-page per scrivere post ottimizzati e fare di un sito qualsiasi un VERO blog SEO.

Chi trova un blog SEO trova un tesoro, si può dire parafrasando un vecchio proverbio. E non c’è niente di più vero, se per “tesoro” intendiamo piena visibilità sul Web, forte notorietà e gran numero di lettori.

Il blog SEO con tecniche on-pagePer qualunque sito capace di svettare sui motori di ricerca la strada è sempre in discesa: grazie al buon piazzamento nelle SERP il numero dei visitatori aumenta di continuo, di centinaia in migliaia, alla pubblicazione di ogni nuovo post. E senza dover spendere neanche un quattrino per pubblicità e promozione.

Di come creare un blog SEO abbiamo parlato spesso, soffermandoci sull’importanza del nome di dominio, della piattaforma (WordPress resta la migliore, a mio avviso), della cura di codice e struttura dei meta tag. Chi desidera approfondire quegli argomenti può cliccare sui link in tema riportati qui a destra, o fare una ricerca (locale, s’intende).

In questa occasione vorrei invece soffermarmi sulla cosiddetta Search Engine Optimization “on-page”, cioè quella serie di accortezze che si dovrebbe avere nel redigere ogni singolo articolo. Se messa in pratica, la guida che segue può garantire buone possibilità di trasformare un semplice sito in un vero, frequentato blog SEO. Cominciamo subito.

Fai capire a Google & Co. qual è il tuo focus.

  1. In un blog SEO che si rispetti prima di realizzare un post è buona norma scegliere con cura una parola chiave di riferimento: l’intero contenuto dovrà ruotare attorno a quella keyword. È meglio non scrivere nulla se non si è riusciti a focalizzare un tema ben preciso, circoscritto.
  2. Verifica il valore della parola chiave che fa al tuo caso attraverso uno degli strumenti gratuiti offerti da Google; può andar bene tanto Google Trends quanto Adwords. Se la key ti sembra essere “satura”, nel senso che è oggetto di una concorrenza eccessiva da parte di siti molto accreditati, cerca alternative cosiddette “long tail”. Potresti ad esempio utilizzare “orsacchiotto di peluche” al posto del solo “orsacchiotto”.
  3. Nello scrivere non aver timore di ripetere più volte la parola chiave. Ma, ovviamente, non esagerare e distribuiscine la presenza in tutti i punti del testo: all’inizio, nel mezzo ed alla fine. Per misurarne la frequenza puoi usare uno degli strumenti online destinati a valutare automaticamente la “densità” delle keyword in un singolo post.
  4. Purtroppo non esiste una regola precisa per evitare penalizzazioni da parte dei motori di ricerca conseguenti al “key stuffing”, cioè per avere oltremodo rimpinzato il post con i termini chiave. C’è chi sostiene che la loro densità non debba superare il 3%, chi il 4 o chi addirittura il 2 per cento. In realtà l’incidenza massima tollerata è direttamente proporzionale alla considerazione che i search engine hanno già maturato nei confronti del blog SEO: più questo viene ben posizionato nelle SERP, maggiore è il margine concesso. Per i siti giovani suggerisco di non andare oltre un punto, un punto e mezzo, e di incrementare la densità solo dopo aver verificato l’impatto degli articoli precedenti su Google e Bing.
  5. Se usi WordPress puoi ricorrere all’ottimo plug-in di Yoast per mettere in pratica i consigli dei punti precedenti (3 e 4). Però fai attenzione: il tool integrato, che consente di verificare la frequenza della parola chiave, non prende in esame i tag di immagini e link!

Concentra la SEO dov’è più importante.

  1. I bot – soprattutto quelli di Google e dopo l’avvento dell’algoritmo anti-spam Penguinscorrono da cima a fondo i post di un blog SEO. Continuano però, come in passato, ad assegnare maggiore importanza ad alcuni punti della struttura: titolo (H1), sommario (siglato col tag H2), intestazione dei paragrafi (H3), meta title e meta description. Va da sé che è qui che la keyword, scelta attraverso le modalità suggerite in precedenza, dev’essere senz’altro presente (possibilmente in posizione iniziale).
  2. Abbi cura di ottimizzare le immagini: il loro peso non dovrebbe superare i 5/10 kb. Ed inserisci anche nel loro nome, nel titolo e nell’attributo ALT i termini chiave.
  3. Nel complesso ciascun post non dovrebbe contare meno di 400/500 parole, suddivise in più paragrafi (di 2/300 parole ciascuno).
  4. Integra liberamente – ma anche qui è bene non esagerare – link interni al tuo blog SEO. Questo aiuta a ridurre la frequenza di rimbalzo e favorisce indirettamente la search engine optimization.
  5. Usa sempre un link esterno, avendo cura di aggiungere l’attributo nofollow nel caso in cui il sito di destinazione non ti sembra godere di ottima reputazione. Se hai dubbi lascia perdere, e scegli un riferimento meno pericoloso.

È il lettore che decide se il tuo è un blog SEO

  1. Usa un linguaggio spontaneo, snello, sintetico e semplice. È essenziale catturare l’attenzione del lettore: se il contenuto è poco fruibile prima o poi se ne accorgeranno anche i motori di ricerca, e allora puoi dire addio alle aspirazioni di un blog SEO.
  2. Scegli un titolo breve (da 40 a 70 caratteri), efficace, stimolante, e che non sia già stato pubblicato da altri. Rifletti, studia la concorrenza: un post chiamato “10 modi per guadagnare con il Web” funziona molto meglio di un articolo sulle “Opportunità offerte da Internet per arrotondare lo stipendio con un sito”.
  3. Riporta in grassetto i passi essenziali di ciascun periodo, soprattutto se contiene la parola chiave. Utilizza il corsivo per evidenziare termini stranieri o comunque singolari.
  4. Se ha un senso, e se serve a rendere ancora più chiaro il contenuto, fai ricorso agli elenchi puntati o numerati (come quelli che stai leggendo). Nei blog SEO sono considerati una buona consuetudine.
  5. Integra la keyword nella descrizione (titolo) dei link interni, purché coerenti. Non farlo invece con i link esterni.

Ancora qualche consiglio

C’è un ultimo suggerimento, che rientra nelle tecniche on-page dei blog SEO e che credo e spero potrà rivelarsi molto utile. Dopo aver pubblicato il post attendi una settimana; quindi registra per un paio di giorni le oscillazioni del suo posizionamento nella SERP di Google. Se si trova già nella prima pagina dei risultati, o comunque tende a salirvi, sarà quella la dimostrazione che hai fatto un lavoro eccellente.

Se invece è fermo sui gradini più bassi non commettere l’errore di sfiduciarti e di lasciarlo scomparire definitivamente dal Web. Piuttosto sottoponilo nuovamente ad esame e, soprattutto, valuta ancora una volta la densità delle keyword. Quindi riducila o aumentala gradualmente in funzione di quanto ci siamo detti fino a questo punto. Vedrai che i motori di ricerca sanno essere flessibili, e sanno apprezzare chi si mostra capace di porre rimedio ai propri errori.

Dimenticavo: anche questo aspira ad essere un blog SEO, dove interazione e commenti hanno la loro importanza. Se ti va chiedi pure, o contribuisci condividendo la tua esperienza.

Post pubblicato da admin il 15/03/2013 | Tag:, ,


16 risposte a “Blog SEO | 15 regole per il post perfetto”

  1. web marketing napoli ha detto:

    Le tue osservazioni sono corrette è giustamente puntuali. Una cosa che aggiungerei, laddove vogliamo creare un post che sia una risorsa, come questo, è integrarlo periodicamente in modo da creare quelle condizioni di aggiornamento tipiche dei post che diventano pietre miliari sui motori di ricerca :)

  2. Gloria Vanni ha detto:

    Ottimo e utile testo! Ho una domanda: cosa vuol dire questo punto? “Integra la keyword nella descrizione (titolo) dei link interni, purché coerenti. Non farlo invece con i link esterni”.

    grazie, gloria

  3. admin ha detto:

    Ciao Gloria! :)
    Nel compilare un link hai la possibilità (di più: il dovere) di assegnargli un “titolo”. Lì è bene inserire la keyword se la destinazione è un altro contenuto del tuo blog (sempre che sia coerente con la parola chiave).
    Non conviene invece inserire nel titolo la keyword esatta – al massimo un sinonimo – se il link porta ad un sito esterno.

    Se ad esempio la parola chiave scelta per il post è “blog SEO”, nel titolo del link ad un altro post locale potresti scrivere “Ecco un altro esempio di blog SEO”. Se è esterno potresti optare per “Un esempio di ottimizzazione applicata dal noto blogger Tizio”.

  4. FB Hotel CopyWriting ha detto:

    Mi è molto piaciuto il tuo articolo.
    Lo trovo chiaro, essenziale ed interessante!
    Grazie

  5. […] argomento. Il primo capitolo è già disponibile: l’ho riservato al copywriting ed alla SEO on-page. Il secondo eccolo qui: creare blog assegnandogli il nome di dominio più efficace. […]

  6. massimiliano ha detto:

    non dimentichiamo anche l’importanza di stimolare e rispondere ai commenti ai fini SEO… complimenti per l’articolo

  7. Alessandro ha detto:

    Queste istruzioni sono molto chiare e, soprattutto, efficaci. Per esempio, sono alcune delle cose che, quotidianamente, faccio anch’io nel mio blog. Seguire questi suggerimenti darà molto soddisfazioni anche a voi. Il mio plauso all’autore!

  8. Giorgia ha detto:

    Ciao, tutte queste regole sono molto utili e anche io cerco di seguirle ogni volta…ma ho una domanda: la Keyword può essere ripetuta più volte in post differenti? mi spiego meglio, posso utilizzare per esempio “idea regalo” più volte in più post differenti?

  9. admin ha detto:

    Ciao Giorgia. No, è preferibile non produrre più di un contenuto focalizzato sulla stessa identica keyword. Ma naturalmente puoi utilizzare varianti e sinonimi.

  10. Marco ha detto:

    Ciao, devo aprire un Blog proprio con questo scopo: Riuscire a posizionarlo e al contempo linkare al mio sito internet. Intendo però offrire anche un servizio vero, perché parlerò di quel che so fare, aiutando le persone e cercando di guadagnarmi clienti.

    Vorrei sapere quale sia il miglior Blog tra WordPress e Blogger da essere personalizzato, inserendo magari Widget che rimandano al mio e-book, o inserendo gli utlimi commenti degli utenti, e che possa essere ottimizzato lato SEO.
    Ciao e Grazie 1000
    Marco

  11. admin ha detto:

    Ciao Marco, io mi rivolgerei a Blogger, per quanto entrambi abbiano buona reputazione per Google.

  12. marianna ha detto:

    Ottimo bigino ;-)
    Grazie Gianni, come sempre apprezzo puntalità e precisione.
    Marianna

  13. admin ha detto:

    Troppo buona Marianna. ;)

  14. Gregory ha detto:

    Ottimo articolo, chiaro, ma soprattutto originale! ;)

  15. admin ha detto:

    Grazie Gregory!

    Come originale, ma soprattutto bello, è il tuo sito / blog SEO pixeldev.it. ;)

    Ciao, Gianni.

  16. roberto ha detto:

    Direi molto interessante , soprattutto per chi si avvicina alla seo .
    Spunto interessante quello di utilizzare la densità delle keyword in modo più o meno alto.
    c’è un plugin su wp che non ricordo il nome ( te lo faccio sapere) che ti consente di regolare la densità delle keyword in base alla difficoltà della keyword stessa. in pratica ti dice ad esempio, che per la keyword blog seo ci vuole x percentuale, per la keyword blog seo ottimizzazione ci vuole un altra percentuale.
    un saluto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *